1.        Cosa è l’Unione Wedding Planner Italia?

-          La WPI è il Primo Sindacato di categoria riconosciuto da Confcommercio. Riunisce tutti quei professionisti che hanno fatto dell'organizzazione di eventi e cerimonie la propria professione e che vogliono vedere tutelata e riconosciuta la propria categoria professionale. Il Sindacato si propone di ottenere, a livello nazionale, un riconoscimento fiscale univoco a regolamentazione della professione e a tutela della propria identità imprenditoriale e dignità professionale.

 

2.             Perché associarsi?

-          Perché si desidera cambiare la visione e soprattutto la percezione della figura del Wedding Planner in Italia.

-          Per combattere l’abusivismo commerciale  a cui si assiste negli ultimi anni nel settore del “wedding”.

-          Perché si vuole usufruire del supporto sindacale di Confcommercio, grazie al quale si possono avere agevolazioni in tema di consulenze fiscali, consulenze legali, convenzioni nazionali, ecc…

-          Perché si potrà usufruire di sconti o gratuità sulle iniziative promosse dall’Unione sul territorio nazionale (workshop, congressi, formazione).

 

3.      Quali requisiti occorrono per essere soci?

-          Possedere regolare partita Iva ed essere iscritti alla Camera di Commercio.

 

4.      Come associarsi?

-          Inviare una e-mail all’attenzione della Dr.ssa Elettra Zazzeri, responsabile area sindacale Confcommercio Pisa, all’indirizzo: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

5.      È prevista una quota associativa?

-          Sì, è prevista una quota d’iscrizione che viene suddivisa tra Confcommercio Pisa e WPI e che dà diritto alle agevolazioni di cui al punto 2.

 

6.      Quali sono gli impegni di un associato?

-          L’associato deve promuovere la Mission e le attività della Wedding Planner Italia.

-          Deve evitare qualsiasi espressione denigratoria nei confronti dell’Unione e dei suoi colleghi associati.

            Deve partecipare alle assemblee e alle attività dell’Unione WPI, nella misura del 20% annuo.